Print Friendly, PDF & Email

LA MIA GENERAZIONE è il singolo di debutto di CATE, giovanissima cantautrice nata a Roma e divisa tra Bruxell e la capitale. Il brano esce giovedì 28 luglio in distribuzione PeerMusic Italy, è stato registrato in queste ultime settimane dopo che “ARIETE” l’ha fatta salire sul palco a Roma, come spesso fa ai suoi concerti per poter dar voce alla sua generazione: CATE ha chiesto di poter cantare un brano e da quel momento su TikTok e Instagram sono arrivare centinaia di richieste per poterlo ascoltare di nuovo.

CATE ha solo 17 anni, ma riesce in una canzone a raccontare tutto quello che vive e che vivono i suoi coetanei, è un flusso di coscienza, quasi un blues moderno dove possono specchiarsi migliaia di giovani tra pandemia, pressioni, attacchi di panico, aspettative e la perfezione innaturale dei social e dei media. Nonostante la sua giovanissima età, emoziona già dal primo ascolto, dimostrando di saper scrivere canzoni con una maturità narrativa, raccontando il suo tempo senza tralasciare nulla.

“In questa canzone c’è la vita di tante persone che conosco. Non c’è niente d’inventato o esagerato, sono tutte storie vere, hanno dei nomi e dei volti. Io descrivo solo ciò che vedo, ciò che sento.” CATE

Caterina Rebesani in arte CATE è nata il 29 gennaio 2005 a Roma. Studia pianoforte da quando ha 5 anni. Nel 2015 si trasferisce a Bruxelles e inizia a studiare chitarra da autodidatta. A 14 anni scrive la sua prima canzone, Manchi tu, che non è ancora uscita, e da allora non ha mai smesso di scrivere, ha più di 150 bozze. Nel 2021 inizia a studiare canto privatamente con Serena Ottaviani e pochi mesi dopo conosce Andrea Chieli e Enrico Caruso, che credono nel progetto. Continua a fare lezioni di canto online con Michele Fischietti. Ad aprile di quest’anno partecipa all’Honiro Song Contest a Roma e a maggio al Critical Flow Tournament a Roma. Diplomata a giugno a Bruxelles, a ottobre inizierà a studiare canto al CPM a Milano.

Share Button