Print Friendly, PDF & Email

Benevolent” è il nuovo disco di Generic Animal, in uscita il 18 marzo per La Tempesta Dischi in vinile e digitale. Arriva due anni dopo “Presto”; segue di quattro il suo primo album, omonimo.

Il titolo rappresenta la buona disposizione d’animo. Un atteggiamento positivo verso l’invidia e l’arroganza; gli inciampi e le sfighe del destino, più in generale. Ma un po’ di benevolenza è riservata anche ai nostri peggiori difetti, un’amichevole pacca sulla spalla alla malvagità del nostro io. Tutto il progetto nasce dalla necessità di protezione, dai demoni della vita e ovviamente dai nostri. 

Il mostro è schiaffato in copertina, come nelle migliori tradizioni. Nella narrazione fotografica dell’album cammina sperduto. Sembra stia scappando, ma poi si mette timidamente in posa di fronte alla macchina fotografica. È buono, ma fa pensieri cattivi. Sembra un rettile, anzi un anfibio; attenzione, assomiglia a una scimmia.
Da lontano fa paura, da vicino è rassicurante: è un pupazzo, un amico verde. È solo una maschera, di quelle per bambini. Un buon travestimento per difendersi.

“Benevolent” naviga tra 10 tracce in cui ondeggia tra i pieni e i vuoti della vita umana. Affronta le ansie, si tuffa tra amore e paure, fronteggia le rosicate. Trova la sua dimensione in una terra di mezzo tra età adulta e infanzia, sogni e incubi. Ci mostra un teatrino fatto di mostri buoni, maschere, deserto e paludi. 

È rock e post-rock, si muove nell’underground e conquista leggerezza nel pop. Ha una forma chitarrosa ma non riffosa. Canzoni che suonano alla Generic. Ci puoi ritrovare i Blur e Say Anything, sentire gli echi dei Vampire Weekend o Samuele Bersani, ci puoi fischiettare Paul Simon. Ci riconosci – soprattutto – Luca Galizia.

L’album è stato scritto e composto tra il 2019 e il 2020, ha affrontato la prima e più difficile quarantena. Un periodo in cui l’autore si è chiuso in sé e ha fatto quello che abbiamo fatto tutti: riflettere. Non ci ha capito molto, ma ha messo in moto un processo. Generic Animal lavora sui traumi infantili irrisolti di Luca Galizia, li manipola e cerca di farci pace, sublimandoli. 

Le collaborazioni sono perlopiù con amici. Il disco è prodotto nuovamente dal fedele socio artistico Carlo Porrini, alias Fight Pausa, che nel disco suona le batterie, firmate anche da Giacomo Ferrari.

Rispetto a “Presto” c’è una maggiore attenzione e ricerca sul suono, alla parte ritmica dei beat. 

Per scrivere le demo ho usato inizialmente solo suoni di una vecchia pedaliera multi effetto zoom di quando avevo 12 anni e beat di batteria isolate di canzoni pop. È la prima volta in cui effettivamente tutto quello che faccio in una demo viene riportato in “Bella” da Fight pausa, in un secondo momento.

L’album è stato registrato e prodotto al Bleach Recording di Gittana, sopra Lecco, sul lago. 

Ci lavorano due amici, Meme Gerace e Andrea Maglia. Non avevamo mai registrato in uno studio che non fosse casalingo o incastrato in un palazzo di Milano e alla fine ci siamo appassionati al verde, al lago e alla stufa a legna, quindi abbiamo deciso di finire il lavoro lì. Abbiamo fatto urlare un po’ di chitarre, registrato delle batterie dentro ad un bagno.

“Benevolent” si presenta con “Piccolo”: una voce, un synth, due chitarre, un basso, una batteria. Ispirato a Paul Simon, è stato scritto pensando ai peggiori giorni di terapia. Un brano pop rock come quelli di una volta, con una piccola crisi d’identità. Prima traccia del disco non a caso, apre e ben delinea la strada dei successivi pezzi.
Si fischietta ancora in “Incubo”, tra contratti che non ti fanno dormire e sogni che ti fanno firmare i contratti. La paura di volare è il tema di Lifevest, di bugie si parla in Clermont, con Jacopo Lietti.
In “Aspetta” si cambia sound e si vira verso il catastrofismo, con le voci di Alvin Mojetta e Manuele Popi Povolo.
“Bastone” ritrova un ritmo più solare. Racconta la vita in città, la difficoltà di gestire un hype crescente e l’ansia da prestazione. Ci vorrebbe un bastone, ogni tanto. La forza di tirare fuori quello che si pensa, un sano mordente. L’aspirazione massima di chi è abituato a tenersi tutto dentro.
“Riverchild” è l’essenza del disco: ecco il mostro buono che abita ogni canzone. È il bimbo del fiume, è un pezzo strumentale. È costruito su un giro di basso pizzicato e ossessivo; ricorda una marcia imperiale, suonata da bambini arrabbiati, o magari dal mostro della laguna.
Con “So” arriva l’invidia e la malsana competizione. “Paura di” sono e saranno le ultime parole famose di GA. In “Recinto” c’è ClausCalmo. La sua voce calma quella di Luca, quella di Luca spinge la sua.

Generic Animal è lo pseudonimo e progetto solista di Luca Galizia. Un nome nato da un disegnino di un animaletto che ha fatto qualche anno fa. Luca è del 1995 e fa musica da un po’ di tempo. Suona la chitarra, scrive cose, canta. Vive a Milano, viene dalla provincia di Varese. Arriva dall’hardcore e dall’emo, come dimostra il suo precedente progetto Leute.

Nel 2018 esordisce con il suo primo omonimo disco, edito da La Tempesta: il suono va dall’hip-hop all’emo midwest con un pizzico di sapore medievale. Poco dopo, a luglio dello stesso anno, pubblica due singoli con i primi veri testi personali: Aeroplani e Gattino, che preannunciano l’uscita di Emoranger, il secondo album, prodotto da Zollo, scritto con un imprinting più trap ed edulcorato, lavorato in cooperazione tra La Tempesta e Bomba Dischi. Prendono il via le collaborazioni con alcuni dei migliori esponenti della scena hip-hop e trap come Ketama126, Massimo Pericolo, Mecna, Rkomi, Pretty Solero.

Nel 2020 arriva Presto, uscito per La Tempesta/Universal, scritto da GA e arrangiato e suonato con l’amico e sodale Fight Pausa che ne ha anche curato la produzione. Spiccano i featuring di Franco126, Massimo Pericolo, Nicolaj Serjotti, le incursioni di amici come Joan Thiele e Jacopo Lietti. È costruito tra sonorità trap che si fondono con il math rock, echi emo che sconfinano nel post-rock, sfumature soul/r’n’b e un’attitudine hip hop. A inizio 2021 pubblica il nuovo singolo Lifevest, in esclusiva per Colors Studios, annunciando nuove cose in arrivo.

Benevolent è il suo quarto album, sempre per La Tempesta, ancora con Fight Pausa.

Share Button