Print Friendly, PDF & Email

Eclisse Twist  è il nuovo EP di Guidobaldi, disponibile su tutte le piattaforme digitali dal 21 giugno. Un’opera che corona un periodo straordinario che ha visto il cantautore romano trionfare nel contest LazioSound e partecipare allo Sziget Festival. L’EP sarà presentato il 26 giugno a Roma nell’ambito degli spazi di Piazza Gianicolo curati da Scomodo.
Nell’EP sono presenti due atmosfere molto forti all’interno che in certi punti si toccano e si confondono, proprio come in una eclissi solare: un mood più rock e brillante che guarda esplicitamente all’Inghilterra e uno più scuro in cui si raccolgono un po’ tutte le mie paure e fragilità come uomo e come artista alla soglia dei trent’anni.
Il titolo si ispira apertamente alla canzone scritta da Antonioni per il film L’Eclisse, che fa parte della sua tetralogia incentrata sull’incomunicabilità nelle relazioni ed è effettivamente un tema ricorrente in questo gruppo di canzoni, per cui l’idea di Eclisse Twist è stata convincente e ha fatto sì che racchiudesse un po’ tutto il progetto.
“Penso che in questo lavoro sia evidente che il mio esordio Cartolina Portuense è stato un inizio di un viaggio di cui ancora oggi qualcosa rimane, soprattutto il manifesto ‘vorrei scrivere una canzone che parli dritto al tuo cuore’, essere sinceri in quello che si scrive è sempre stata la mia regola d’oro, anche se questo poteva significare quindi non essere così frequente nelle uscite musicali. Oggi sono estremamente orgoglioso di questo EP, è un lavoro che rispecchia molto chi sono oggi e tiene presente di quello che è il mondo che ci circonda: difficoltà a implicarsi nei rapporti miste a minacce apocalittiche di un pianeta che non ci vuole più, il tutto condito da un ‘twist’ per esorcizzare le paure.” – Guidobaldi.
Un EP che racchiude un lavoro di due anni, fatto di ricerca, di lavoro di squadra di Guidobaldi con il produttore/coautore/amico/compagno di avventure Marco Proietti e con una band di musicisti superlativi come Andrea Zarrilli, Edoardo Guerrazzi e Roberto Sanguigni e Luigi Winkler. Le registrazioni si sono tenute allo Spettro Studio di Roma dove Marco Colagrande, in arte Moci, che ha accolto tutti con affetto e seguito con grande precisione e cura. Il mix e il master sono stati affidati a VDSS Recording Studio.

Matteo Guidobaldi, in arte Guidobaldi, è un cantautore romano che ha fatto il suo esordio nel 2018 pubblicando, con Sbaglio Dischi, i singoli “Cartolina Portuense” e “Lungotevere”. Nel 2021 è uscito il suo primo album “Scusate il ritardo”, prodotto da Marco Proietti e distribuito da Believe, seguito, a novembre, dal singolo “Dire mi manchi”, con cui ha vinto il contest di LazioSound2023 per la categoria “Songwriting Heroes”. Grazie a questo premio, ad agosto, con la sua band, è salito sul prestigioso palco dello Sziget Festival di Budapest. Il suo sound è un incontro tra la musica leggera italiana e il britpop. Ama esibirsi dal vivo e negli anni ha avuto l’opportunità di aprire i concerti di artisti italiani quali Eugenio In Via Di Gioia, Margherita Vicario e Noemi.
Il 21 giugno 2024 esce l’EP “Eclisse Twist” anticipato dai singoli “Bandiere”, “Londra a mezzanotte” e “Nei Guai”, inserito nella playlist editoriale Spotify “Rock Italia”.

Share Button