Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato in digitale il 7 aprile dalla Seahorse Recordings, “Lone” è il terzo album per i milanesi Noise Under Dreaming, ora finalmente disponibile in cd dgipack, i cui colori enfatizzano il mood allo stesso tempo estivo e malinconico di quesi nove brani. 
Il duo ha anticipato la pubblicazione dell’album col singolo “Nothing to Say“, un brano basato sulle chitarre, in cui gli accordi costruiscono un loop emozionale, fino a che il cantato finale crea il climax. 
“Nothing to Say” racconta lo spaesamento dei nuovi adulti, che vedono disgregarsi i valori con cui sono cresciuti, e si trovano alle prese con nuove realtà difficili da gestire. 

Questo è quello che la band racconta sulla nascita di “Lone”: “Con i Noise Under Dreaming abbiamo sempre composto e prodotto a distanza, mai insieme nello stesso studio. Con Lone abbiamo voluto fare qualcosa di diverso e abbiamo deciso di lavorare “in presenza”, provando a scrivere un disco di canzoni. Poi è arrivata la pandemia, fra chiusure e aperture, il processo creativo ha preso una strada tutta sua. Ci siamo trovati a volte insieme a lavorare sui brani, ma spesso siamo rimasti da soli, Lone. Alcune canzoni sono rimaste canzoni, altre si sono destrutturate nel processo. In passato abbiamo messo in musica la nostra visione della solitudine nella folla. Field indistinti, voci lontane, … Ma ora la folla non c’è più. Tutto è più chiaro e definito, distinguibile. Chitarre, basso, synth, percussioni…. Niente più brusio di fondo. Anche la solitudine è rimasta da sola, Lone.”

Noise Under Dreaming è un progetto nato da due ragazzi di Milano nel 2006. A breve vengono notati da Foolica Publishing, che pubblica nel 2008 con Foolica Electro il primo lavoro, “Tarokidei”. L’uscita dà seguito a un passaparola che permette alla band di esibirsi in Italia e all’estero e di lavorare, con crescente frequenza, su diverse sonorizzazioni. Nel 2010 esce per Red Birds / Seahorse Recordings l’EP acustico “Objects in the mirror are closer than they appear”, che contiene una rivisitazione in chiave acustica dei brani di Tarokidei, idea nata durante un concerto acustico a Barcellona. A Settembre 2011 un cortometraggio con la colonna sonora originale dei Noise Under Dreaming, “G: The Other Me” di Michele Coggiola, viene selezionato per la 68° Mostra del Cinema di Venezia.

Il 2012 è l’anno dell’uscita del secondo LP, “In Mine”, sempre per Red Birds / Seahorse Recordings, che ottiene un ottimo riscontro di critica.

Nel frattempo continuano i lavori di sonorizzazione, fra cui la collaborazione con Gabriele Salvatores per la colonna sonora di “Educazione Siberiana” nel 2013.

Nel 2022 i Noise Under Dreaming pubblicano il loro terzo LP “Lone” per Seahorse Recordings.

Share Button