Print Friendly, PDF & Email

Esce venerdì 25 novembre 2022 “novembre“, il nuovo singolo di problemidifase, moniker che nasconde il progetto solista di Samuele Zenti. Un nuovo capitolo che ci accompagna per mano verso le giornate più corte dell’anno, il freddo e la nebbia della pianura padana in tardo autunno, quando tutto comincia a farsi bianco e l’orizzonte è sempre più vago e indistinguibile. In questo scenario viene raccontata una fase di un rapporto fra padre e figlio che, tra incomprensioni e paura del futuro, farà maturare ad entrambi la consapevolezza che per convivere pacificamente e volersi bene è importante accettare le differenze e i difetti dell’altro.

“novembre” è dream pop su cassa dritta, è Bon Iver, sono i Sigur Rós, i Beach House, intrappolati in un intimo cantautorato da ascoltare sotto le coperte mentre fuori fa sempre più freddo.

Problemidifase è un contenitore di immagini, sensazioni ed emozioni tipiche del periodo post-adolescenziale. Un calderone in cui si mischiano le paure legate alla crescita personale e ai rapporti con gli altri. Piccole fotografie di specifiche dinamiche, legate ognuna ad una specifica fase della vita. Musica spontanea, non sempre esplicita nella forma ma con un obiettivo preciso: raccontare un certo tipo di disagio personale, sperando che qualcuno ci si possa riconoscere e che, auspicabilmente, riesca a sentirsi un po’ meno solo.

Si dice che due onde periodiche sono in fase se raggiungono contemporaneamente i massimi dello stesso segno e gli zeri. Se tale situazione non si realizza si dice che le onde sono fuori fase. Come possiamo quindi comprendere e risolvere i problemidifase? È importante attivarsi per chiedere un aiuto di tipo psicologico quando il disagio non è più inquadrabile come derivato da una “normale” fatica di crescere ma assume forme più importanti.

Samuele Zenti nasce nel 1998 in provincia di Verona e cresce con il sogno di diventare uno scrittore. Quando ha 14 anni lascia tuttavia da parte la scrittura, comincia a studiare basso elettrico e ascolta più musica possibile, passando dall’Hip Hop al Metal e dalla musica Ambient all’elettronica più sperimentale. Dal 2012 al 2016 suona il basso in gruppi Metalcore e Pop Rock locali e contemporaneamente si diverte a fare il DJ alle feste organizzate con gli amici. Nel 2017, portando comunque avanti esperienze come bassista e seconda voce in vari progetti nel veronese, Samuele impara a suonare la chitarra da autodidatta e comincia a sperimentare la scrittura musicale, unendo le sue due principali passioni.

Nell’estate dello stesso anno, grazie all’amicizia con Cristian Volpato, produttore e polistrumentista vicentino, si ritrova al SAE Institute di Milano per registrare il suo primo singolo “By The Lake” e un riarrangiamento di “Forget It” di Getter e Oliver Tree, collaborando con i produttori Weero e Epco. Dopo aver conosciuto Mario Vallenari e dopo uno scambio di opinioni e consigli, Samuele comincia a scrivere anche in italiano e, dopo un anno e mezzo di lavoro, nel 2019  rilascia da indipendente il suo primo LP “There’s No Easy Way” un concept album prodotto da Simone Laurino e Cristian Volpato pieno di collaborazioni e ospiti.

Dopo l’uscita del disco e qualche live in acustico, Samuele decide di fare squadra fissa con Cristian, con cui arrangia e produce i nuovi brani, e con dei musicisti veronesi: Jacopo Secondo alla chitarra, Federico Gozzi alle tastiere e Daniele Padovani alla batteria. Una volta formata la squadra e ormai scritto e registrato il primo EP, decide di creare un progetto a sé stante, che non porti più il suo nome ma che sia un’estensione della sua personalità artistica. Nasce così nell’autunno del 2021 il progetto “problemidifase”.

Share Button