Print Friendly, PDF & Email

Fusione di generi e sonorità e radici campane naturalizzate alla scuola romana rendono distintivo e riconoscibile il sound e i testi di YVAN.
Il suo nuovo singolo “KETAMINA” è in uscita per INRI il 25 novembre. Tra le ceneri di un sentimento che più ardentemente brucia più velocemente scompare, il brano racconta di un amore tossico e sincopato, diviso tra il desiderio di stare insieme e quello di scappare. “Mi è venuto di getto.. non è stato un verso “pensato” o ragionato – racconta Yvan – La ketamina ha un effetto dissociativo, anestetico, di insensibilità al dolore. Capita di rifugiarsi in rapporti malati e di perdere di vista la realtà, di perdere di vista se stessi,una condizione nella quale mi sono ritrovato più volte. Il significato è molto ampio e non si limita alla sfera sentimentale.” Il sound, tra l’indie-punk contemporaneo e rimandi alla new wave e il pop anni ‘00, è il sottofondo perfetto per lo scenario psichedelico che il brano riesce a creare nel nostro immaginario.
Chitarre distorte, sinth e batterie elettroniche fanno da collante alla voce rude e graffiata di Yvan attraverso tutto il singolo, prodotto da Matteo Gabbianelli e Mattia Deriu. Continua l’artista: “Uso spesso l’immaginario femminile nelle mie canzoni e anche in questo caso ho creato questa ragazza/ketamina. In realtà nella maggior parte delle mie canzoni faccio riferimento solo e unicamente a me stesso. Al mio modo di rapportarmi al mondo esterno e al modo di gestire le emozioni e il mio istinto. Ketamina è un po’ questo… un viaggio dentro me stesso, celato dietro un amore che brucia e allo stesso tempo si spegne.”

Yvan, all’anagrafe Ivan Donatiello classe ’90, è un artista  di sangue campano, convertito alla scena indie romana nel clamore dei locali di San Lorenzo.
Il progetto nasce infatti proprio a Roma nel giugno del 2019. Dall’esordio a dar corpo alle sue intuizioni pop sporche quanto basta di riff e sogni infranti è la produzione di Matteo Gabbianelli. Il primo singolo “Somigli a Johnny Depp” uscito nel settembre del 2019 è seguito subito dopo da “Il Porno di Belen” e Cuba. Nel frattempo si aggiudica il primo premio alle Finali del Cantagiro tenutosi a Fiuggi
Attira l’interesse dell’etichetta discografica INRI con la quale firma nel febbraio del 2020

A maggio del 2020 è la volta di “Top Verde”,singolo graffiante ruvido e nostalgicamente alternative, seguito da “Le Luci spente” nell’ottobre dello stesso anno e di “Cosa mi frega”.

Share Button