Print Friendly, PDF & Email

Fuori dal 31 agosto “Finisce così”, il nuovo singolo di Saimon Fedeli.  Il brano è il secondo estratto dal disco “Stanze Vuote” che uscirà in autunno. In questo disco il cantautore racconta di sé,  di quello che ha imparato dalla vita e quello che osserva nel mondo.  Un disco sentito,  come questo singolo delicato ma allo stesso tempo un po’ amaro.

“Forse è meglio lasciarci stasera che fingere una vita intera”, così canta Saimon nel suo nuovo brano ed è proprio lì che si nasconde tutto il senso del suo messaggio.  Nelle Stanze Vuote, che dà il titolo al suo album, sembra quasi essere meglio una solitudine scelta che una solitudine condivisa.  Con un ritornello che si apre come un respiro pieno dopo un’apnea e nel quale vorremmo trovare una corrispondenza con il nostro naturale desiderio di crederci ancora una volta e che invece non arriva.  Finisce così.

Una canzone che ci racconta la disillusione con quello struggimento proprio di certi accordi che immediatamente risuonano dentro di noi. Quasi che l’autore mentre ci sta dicendo che non ne vale la pena ci stesse suonando che ne vale assolutamente la pena.

“Mi sono accorto che stavo cominciando a lasciare per non essere deluso, rinunciare per non essere sconfitto, omettere per non fingere. E ho capito invece, che è proprio la fine a rendere tutto così maledettamente prezioso”.

Saimon Fedeli è un cantautore di Milano nato nel 1975.

Qualcosa deve pure accadere, canta quello stesso anno Lucio Dalla in Anidride Solforosa. In casa la domenica sera niente partite di calcio, con il padre ci si metteva intorno al giradischi e si ascoltava musica. Un passato da batterista, i ritmi impossibili del samba e della bossa nova del suo maestro.

Saimon ha suonato in diverse band, ma non solo. La musica ha sempre fatto parte di sé.

Per vent’anni ha gestito negozi di strumenti musicali, allestito concerti, vissuto e assorbito i cambiamenti della scena musicale dell’hinterland milanese. Fino all’avvento di internet e con esso la fine di un’epoca. Quella in cui i ragazzini crescevano tra i corridoi dei negozi di musica. Eppure qualcosa deve pure accadere. Nel 2015 la svolta. Prende in mano una chitarra acustica e cresce in lui il bisogno di raccontare e suonare la propria musica. Nel 2018 pubblica il suo primo disco “Autoritratto”. Qualche anno di pausa e poi finalmente il 6 luglio 2022 esce “Capita capita” e il 31 agosto “Finisce così”, entrambi estratti dal nuovo album “Stanze Vuote”.

Share Button