Print Friendly, PDF & Email

Dall’11 novembre 2022 è online su YouTube il videoclip di “I fiordalisi“, il singolo d’esordio del cantautore romano M’AYO, che anticipa l’album “Aspri Motivi“, in uscita nei primi mesi del 2023.
Il video del brano i fiordalisi alterna continuamente momenti di solitudine claustrofobica urbana, dal sapore leggermente psichedelico, a momenti in cui il protagonista si libera in una sorta di ballo, sempre in solitudine ma finalmente libero da quelle emozioni che provocavano solo un dannoso avvitamento autolesionista nella propria esistenza. Questa libertà il protagonista la raggiunge solo nel momento in cui si libera della trance e delle rose che rappresentano materialmente le emozioni che non ci sono più. È il momento in cui si decide di andare avanti.
I fiordalisi non ci sono nel video perché sono proprio loro che mancano. Le emozioni che si provano spontaneamente così come nascono i fiordalisi.
Il testo di questo brano è una sorta di slogan e contiene frasi apparentemente nonsense tipici della New wave anni ’80. Nonostante la briosa atmosfera dell’arrangiamento, il brano tratta di un argomento poco felice.
«I fiordalisi – dichiara l’artista – è una canzone che non tratta in alcun modo temi sociali.  È una canzone che profuma di morte. La morte delle emozioni che ognuno di noi ha provato, ma che non ha il coraggio di guardarle in faccia. I fiordalisi rappresentano le emozioni che erano vive e che non ci sono più. È applicabile in qualsiasi contesto. Una coppia, ad esempio, che si amava ma che al momento non ha più nulla da condividere se non la piattezza della quotidianità. Oppure una passione alla quale si credeva ma che poi non riesce più a coinvolgerci. Questi sono i fiordalisi: quei momenti emozionanti che non ci sono più. Mi preme sottolineare che nelle prime frasi si fa riferimento al meccanismo mentale già analizzato da Proust secondo il quale il profumo materializza i ricordi e li fa riaffiorare al presente pur appartenendo al passato».

Alessandro Magliocchetti classe ’66, di Roma, vissuto a Leonessa nel Reatino durante la sua giovinezza, ha segretamente coltivato la sua passione per la musica per tutti questi anni da dietro la sua scrivania, fino a quando decide finalmente di dare il via pubblicamente al suo progetto solista M’AYO, dove il cantautorato tocca la sua forma più cruda e pungente e dove la musica cullata tra il perfetto binomio di semplicità e modernità risulta sempre fresca senza sembrare mai banale.

Share Button