Print Friendly, PDF & Email

L’IMBECILLE” è il secondo album di inediti di MAIDA, cantautore classe ’82 originario di Soverato (CZ).
Il disco, pubblicato da Be NEXT Music/Sorry Mom! con distribuzione Universal, contiene tredici tracce, tutte scritte in collaborazione col paroliere Antongiulio Iorfida.
Attraverso le accattivanti sonorità rock/crossover, Maida esplora i temi del tempo che passa, dell’essere alternativi e dell’amore maledetto.

Ad accompagnarne l’uscita l’omonimo singolo, cheprende spunto da una mossa scacchistica – detta, appunto, “matto dell’imbecille” – con cui il pedone fa rapidamente scacco al re. Perfino il pezzo più basico e bistrattato dell’intera scacchiera, se usato con astuzia, può diventare letale e superare le ingiustizie che è costretto a subire.

Il videoclip della traccia, realizzato da Andrea Sajia e Massimiliano Sorvillo di Mad Art Studios, vede Maida protagonista in prima persona nella duplice veste di carceriere e prigioniero che riesce a liberarsi e ad evadere, salvo poi rendersi conto di non poter sfuggire a sé stesso.

“Siamo tutti un po’ vittime e un po’ carnefici e, per evitare di perdere la ragione, dobbiamo imparare a convivere con entrambe le facce della nostra stessa medaglia.”

Maida è un cantante, compositore, fonico e polistrumentista classe ‘82.
Dirige l’Associazione Musicale “MVM Rec Studio”, a Soverato (CZ).
PERDENTE, pubblicato da indipendente nel 2020, è il suo primo album di inediti.
Nel 2021, firma un accordo discografico con Be NEXT Music/Sorry Mom!
A marzo 2022, esce Femme Fatale, canzone distribuita da Sony Music Italy. Nel giugno dello stesso anno, vince la Finale Regionale Calabria della 35ma edizione di Sanremo Rock con il brano “Puttanate” – scritto insieme al suo paroliere, Antongiulio Iorfida – qualificandosi per quella Nazionale all’Ariston.

Nel gennaio 2023 esce il brano “Dimmi Dimmi” e a maggio 2024 è uscito il nuovo lavoro in studio intitolato “L’Imbecille”.
La band con cui si esibisce dal vivo è un “power trio” composto, oltre che da lui, da Alessandro Bittoni e Michelangelo Rupolo.

Share Button