Print Friendly, PDF & Email

“Tu sei un ragazzo di strada e come tutti i ragazzi di strada ami quella vita, ami il rischio, vivi di notte, vuoi una ragazza che ti sta vicino. Dio ti perdona, ma sa cosa hai fatto prima, lo sappiamo entrambi. Ti scrivo questo messaggio per dirti che se non avessi fatto questa roba sarei rimasto per strada a morire di fame, a morire con i miei sogni. Ricorda però anche quando avrai la forza di cambiare il passato lo porti dentro”.

Con queste parole Medy anticipa l’uscita del suo nuovo singolo “CARTIER #1” prevista per venerdì 9 settembre.

Il rapper riporta l’ascoltatore all’interno della sua vita, gli fa percorrere i suoi passi attraverso le liriche, gli sbagli che ha commesso, i sensi di colpa che si porta dietro.

Il brano fa riflettere già dall’intro che, anche se al primo ascolto può sembrare solo un vocale di un amico, in realtà è molto di più: sono scambi inconsapevoli avvenuti prima di un blitz che ha portato alla detenzione di quest’ultimo. La strada, prima fedele compagna e poi quasi nemica, rimane sempre dentro chi l’ha vissuta, l’ha calpestata e da essa è stato calpestato, attirato da speranze di vita migliore, dalla ricerca di possibilità che la vita difficilmente da a tutti.

Medy con i propri pezzi sta mostrando tutti gli aspetti della sua personalità, un lato più dolce, uno più arrabbiato, un altro più consapevole. Guardare al passato e agli errori commessi con lucidità porta chiunque a imparare dai propri errori e a trovare modi alternativi per raggiungere i propri obiettivi, comprendendo che per ottenere quello che realmente si vuole bisogna lavorare duramente e crederci sempre.

L’artista ha da poco raggiunto un grande risultato conquistando il disco d’oro con “BISOUS” uno dei suoi singoli di maggior successo, prodotto da Timongothekey. Un traccia in cui si fondono le liriche in italiano e in francese, dando vita a un brano movimentato e coinvolgente.

El Mehdi El Marbouh in arte Medy Cartier, è un artista italo-marocchino, nato e cresciuto a San Donato, un quartiere periferico di Bologna. Nel novembre del 2020 esce il primo singolo “Chiamare“, che ottiene anch’esso milioni di visualizzazioni su tutte le piattaforme e che lo posiziona come uno tra gli emergenti più interessanti della scena. Nella primavera del 2021, arriva la chiamata di Sony Music a testimoniare la validità del progetto artistico. Il singolo “Malasuerte” rappresenta quindi l’inizio del nuovo percorso di Medy, con un brano in cui la storia del protagonista, ragazzo di strada cresciuto in periferia, si rispecchia nella vita vera dell’artista. Il brano successivo, “Sezione” feat. 167 Gang, invece, va ancora più a fondo nel racconto autobiografico di Medy, riportando la realtà nuda e cruda della sua adolescenza travagliata, riprendendo e approfondendo il discorso con gli ultimi due singoli “9 ore” e “Perdite”. Successivamente il rapper ha mostrato al suo pubblico un lato più romantico con i singoli “Ma Jolie” feat. Anna, “Bisous” e “Possessivo”, tracce che hanno fatto conoscere l’artista al grande pubblico con importanti risultati nelle classifiche. A luglio ha collaborato con Villabanks e Ava nel singolo “Tête”, che è attualmente nella top10 Spotify Italia e ha raggiunto i 15 milioni di stream. Medy ha all’attivo oltre 85 milioni di streaming audio e video, con più di 2 milioni di ascoltatori mensili su Spotify. 

Share Button