Print Friendly, PDF & Email

Ignoto” è il nuovo e decimo album degli OvO, ed è un album che si differenzia da tutti i lavori realizzati in precedenza dal leggendario duo italiano, formato da Stefania PedrettiBruno Dorella, pur proseguendo con assoluta coerenza una storia longeva e rivoluzionaria. In uscita il 23 settembre 2022 in CD, vinile e digitale per l’etichetta canadese Artoffact Records con distribuzione italiana Audioglobe, “Ignoto” fa seguito a “Miasma” ed è in qualche modo una reazione al caos che ha contraddistinto la band e tutti noi in questi ultimi anni.

Da una parte “Ignoto” introduce nuovi elementi, che potrebbero essere sviluppati ulteriormente in futuro, e dall’altra prosegue a elaborare gli input lanciati dallo stesso “Miasma”. Infatti, se la band continua a evolversi come ha sempre fatto nel corso della sua carriera, il tour a supporto di “Miasma” è stato notevolmente compromesso dal fatto che l’album è uscito subito dopo l’inizio della pandemia lasciando così Pedretti e Dorella con il desiderio di continuare tuttora a eseguire quelle canzoni dal vivo.

“Ignoto” è un oggetto misterioso, sia nella discografia dei suoi artefici sia nell’attuale panorama internazionale. Esso contiene due brani, ciascuno della durata di oltre venti minuti. In tal senso, l’album potrebbe essere definito a maggior ragione doom o sludge, ma sappiamo che con gli OvO non c’è mai niente di semplice né tantomeno di facilmente catalogabile. La componente elettronica già inserita nei dischi più recenti è ancora ben presente e svolge un ruolo importante in entrambi i pezzi.

Dopo le tante collaborazioni di prestigio concretizzate in “Miasma”, stavolta gli OvO tornano al cuore, al nucleo del loro progetto, occupandosi di tutto in prima persona, anche per forza di cose visto il periodo di lockdown che ha generato Ignoto, con Pedretti alla voce, alla chitarra e ai synth modulari e Dorella alla batteria e all’elettronica. Le registrazioni sono state effettuate da Alberto Bimbi al Bronson Club di Ravenna, mentre mix e master sono stati curati da Giulio Favero. Il grottesco artwork è firmato dall’acclamato artista e tatuatore Ruco.

La principale novità, però, è forse rappresentata dai testi, costituiti da frasi di senso compiuto in lingua italiana: in passato, era accaduto davvero di rado. Per l’occasione, Pedretti ha fatto emergere il lato più esoterico del suo immaginario e si è ispirata ai classici letterari della fantascienza e dell’horror: stiamo parlando di Octavia E. Butler, Mary Shelley, Bram Stoker, H. P. Lovecraft, Edgar Allan Poe, Philip K. Dick, Ray Bradbury, Clive Barker, Ambrose Bierce…

In “Ignoto”, dunque, il linguaggio musicale sposa la dilatazione mentre l’aspetto lirico si arricchisce di un significato esplicito rispetto alle parole lasciate alla libera interpretazione alle quali eravamo abituati. “Ignoto” riguarda tutto ciò che è sconosciuto e, più nello specifico, si riferisce a quello che è successo negli ultimi due anni nel mondo e a livello personale ai membri della band. In particolare, Pedretti ha affrontato alcuni importanti problemi di salute che hanno cambiato la sua prospettiva su molte cose. Ma soprattutto “Ignoto” si riferisce a quello che ci aspetta in futuro.

Il primo singolo “La Morte Muore (Part 2)“, secondo movimento della prima traccia “La Morte Muore“, è disponibile su tutte le piattaforme digitali dal 1 luglio, ed è il vero e proprio manifesto dell’album: una visione sludge, morbosa ma poetica. Sci-fi e realtà si incontrano nella zona del crepuscolo.

Share Button