Print Friendly, PDF & Email

Da mercoledì 3 marzo è in radio e disponibile in digitale “Potevi fare di più”, il nuovo brano di ARISA in gara al 71° Festival di Sanremo.

Inoltre, è online su Youtube il video di “Potevi fare di più”, girato tra Roma e New York per la regia di Danilo Bubani.

Per la speciale serata delle cover di domani, giovedì 4 marzo, l’artista ha scelto di omaggiare Pino Daniele interpretando “Quando”, celebre brano del 1991 e colonna sonora del film “Pensavo fosse amore… invece era un calesse”. Per arricchire la sua interpretazione, Arisa canterà in duetto con il cantautore Michele Bravi, che ha da poco presentato il suo ultimo progetto discografico, il concept album “La Geografia del buio”.

A dirigere l’orchestra sul palco dell’Ariston per Arisa è il Maestro Adriano Pennino.

“Potevi fare di più”, scritto da Gigi D’Alessio, parla di un momento di liberazione da una relazione tossica. Racconta la storia di una donna che cerca la forza di dire basta ad un amore che si è spento e ai continui tentativi di tenerlo in piedi. Il brano sarà contenuto nel prossimo nel prossimo album di inediti di Arisa.

Questa è lasettima partecipazione al Festival di Sanremo per l’artista che si è già aggiudicata due vittorie: la prima nel 2009, nella categoria Nuove Proposte, con il brano “Sincerità”, e la seconda nel 2014 nella categoria Campioni con “Controvento”. Nel 2015, inoltre, Arisa è stata co-conduttrice della 65° edizione del Festival.

Nel corso della sua carriera Arisa si è contraddistinta per il suo raffinato timbro vocale e per la sua versatilità: oltre alla carriera nella musica ha anche lavorato nel mondo cinematografico, come attrice e doppiatrice, e in ambito televisivo, come giudice di importanti talent show e come presenza fissa in programmi televisivi.

Ha all’attivo sei album in studio, un Ep e due raccolte, vanta quattro certificazioni Platino e due certificazioni oro.

Si è aggiudicata vari riconoscimenti, tra i quali il Premio Assomusica Casa Sanremo e il Premio della Critica “Mia Martini” al Festival di Sanremo 2009, un Venice Music Awards nel 2009, il Premio Lunezia e il Premio Sala Stampa al Festival di Sanremo 2012, due Wind Music Awards, un Premio TV – Premio regia televisiva, oltre ad una candidatura al Premio Amnesty Italia e due al Nastro d’argento nella categoria migliore canzone originale.

Share Button