Print Friendly, PDF & Email

“Lui chi è? Come mai l’hai portato con te?”, in quanti vorremmo fare questa domanda al pipistrello di Wuhan? “Lui chi è?”, è una frase che ci ha storditi latentemente se pensiamo a questo periodo della vita, soprattutto se rivolta al grande intruso, questo virus indesiderato che è entrato nella nostra intimità costringendoci a travestirci, a mascherarci, a cambiare abitudini e consuetudini rendendoci schiavi di una perversione “sadico cosmica” mai conosciuta fino ad ora.  
Per questo Attilio Fontana, cercando di ritrovare la giusta leggerezza, ha deciso di pubblicare come singolo “locomotiva” di “Sessioni Segrete”, il suo nuovo album acustico, il “Triangolo” di Renato Zero in una versione “club” che ci riporta languidamente in un’atmosfera fumosa, come a sentire nostalgia della musica “vera”, quella dal vivo, ricordandoci di quando davanti a un bicchiere potevamo mostrare labbra, discorsi e sorrisi. In un’atmosfera da film anni ottanta con un sound minimale, Attilio cerca in questa distonia di farci ancora sognare, di poter tornare trasgressivi e trasgressori con la zattera dell’ironia pronta a salvarci mentre cerchiamo di approdare di nuovo su quell’isola “umana” ed empatica che chiamavamo Amore.  
«”Lui chi è? Come mai l’hai portato con te…”, ho deciso di esorcizzare questo periodo cercando una canzone amuleto per proteggerci dall’intruso più fastidioso che ci sia capitato da un secolo a questa parte – racconta l’artista a proposito di “Triangolo” – la parte del coro nel ritornello la affido a voi che in macchina, in ufficio o sotto la doccia potete cantare il vostro “lui chi è”, in attesa che riparta la vita “reale” per tutti».
Il brano, insieme al nuovo disco, è disponibile in tutti gli store digitali a partire da oggi, venerdì 4 dicembre“Triangolo” apre infatti le porte a “Sessioni Segrete”, un disco registrato all’Ellington Club, uno dei più importanti locali live di Roma, costretto come gli altri a restare chiuso durante il lockdown.Attilio Fontana e il suo trio, che per l’ennesimo Dpcm hanno dovuto rinunciare a una data già pattuita, decidono di suonare comunque, senza pubblico ma con l’accordo dei proprietari Alessandro Casella e Vera Dragone. E così il locale diventa uno studio e il Live un Disco. In pochissimi giorni riescono a trovare la troupe video e audio e comincia a prendere forma “Sessioni Segrete”: “C’è un pianoforte?” chiede Attilio ad Alessandro, “Sì ma non so se è accordato” – “Pazienza, domani veniamo a suonare lo stesso e si registra ci stai?” – “Sì”, rispondono i direttori artistici e per due giorni in una maratona registrano numerosi take come se fosse un live segreto, intrappolando canzoni dentro un’atmosfera magica e facendo rivivere un luogo che stiamo perdendo di vista ogni giorno di più, il palcoscenico.  
L’artista, con Franco Ventura chitarrista e coautore insieme a Roberto Rocchetti al pianoforte, decide così di radunarsi e registrare delle sessioni di alcune canzoni dei suoi album “A” e “Formaggio”. Da queste sessioni nascono un disco live e dodici videoclip che saranno pubblicati con una cadenza settimanale fino a febbraio/marzo 2021. Un progetto molto analogico che somiglia a una pregiata bottiglia di Rum, da gustare fuori dalla frenesia per conoscere meglio alcune canzoni che nude hanno ancora più “sapore” e riconoscere meglio il mondo musicale di Attilio Fontana che ormai da quindici anni scrive e suona le proprie canzoni con Franco Ventura, padre “musicale” e chitarrista “mitologico” della discografia italiana dagli anni settanta ai duemila.   In alcuni brani a fare da special guest c’è Vera Dragone che ogni sera si esibisce nel suo locale proponendo un repertorio musicale raffinato, accompagnata dai grandi musicisti della capitale all’interno di tutto il mondo retrò e burlesque di cui questo luogo ne è diventato il tempio più apprezzato e appunto più “segreto” di Roma e non solo.   Sessioni Segrete” sarà inoltre disponibile in una tiratura limitata di sole 100 copie. Cento CD-arte con allegata una barchetta di carta dipinta ad acquerello e piegata sul testo scritto a mano di una delle canzoni contenute nell’album, a cui si aggiungeranno una foglia a forma di cuore e una frase “amuleto”. Questa confezione sarà in esclusiva per i primi cento che acquisteranno l’album, un progetto dedicato al rituale delle piccole cose.

Share Button