Print Friendly, PDF & Email

GIRO DI NOTTE”, il primo singolo di SETHU con Carosello, uscirà in streaming e in tutte le piattaforme digitali venerdì 9 settembre.

Crudo, scuro, inquieto, euforico: Sethu è un misterioso animale notturno che con la musica racconta la sua generazione che vive tra incertezze, ansie e paure per il futuro. Ragazzi stanchi, abbandonati ai ritmi della provincia e della noia e che combattono spesso per la loro sanità mentale.

Nella musica di Sethu rabbia, tristezza ed euforia si mischiano e si alternano, passando da momenti intimi e introspettivi a passaggi frenetici e caotici. Un mood “schizofrenico” che non ha bisogno di essere etichettato in un genere preciso, convergendo in uno stile meticcio figlio da una parte del rap e del metal fino alle ultime contaminazioni con il pop e l’urban.

E “GIRO DI NOTTE” si pone esattamente in questo mood: prodotta dall’inseparabile fratello gemello Jiz, il brano è allo stesso tempo malinconico ed euforico, duro e morbido nello stesso tempo. Nel pezzo Sethu racconta in maniera diretta e viscerale il sentirsi bloccato tra i ricordi di un amore passato e la conseguente rabbia nel non riuscire a vivere il presente.

Marco De Lauri, in arte Sethu, è un artista nato a Savona nel 1997. Sviluppa la sua identità artistica assieme al fratello gemello Jiz, con il quale comincia a fare musica e a muovere i primi passi nella scena punk/rap ligure, per poi espandersi verso ulteriori orizzonti musicali. Forte dell’unione con Jiz, Sethu trova nella musica un modo per evadere dalla realtà provinciale
savonese, il cui mood malinconico e crudo si riflette spesso nei suoi testi e nell’estetica.
Nelle sue canzoni, Sethu racconta la sua generazione che vive tra incertezze, ansie e paure per il futuro. Ragazzi stanchi, abbandonati ai ritmi della provincia e della noia e che combattono spesso per la loro sanità mentale.

Nella musica di Sethu rabbia, tristezza ed euforia si mischiano e si alternano, passando da momenti intimi e introspettivi a passaggi frenetici e caotici. Un mood “schizofrenico” che non ha bisogno di essere etichettato in un genere preciso, convergendo in uno stile fluido e pieno di contaminazioni.

Il primo progetto pubblicato dall’artista ufficialmente nel 2018 è l’EP “Spero ti renda triste?”. Questo progetto nasce con il trasferimento a Milano dei due gemelli e contiene 6 brani che evidenziano le due dimensioni di Sethu che saranno poi la base del suono che svilupperà negli anni a venire.

Nel 2019 Sethu attira l’interesse degli addetti ai lavori con i singoli “Butterfly Knife”, pubblicato sul canale Trash Gang, e “Hotspot” che diventano virali grazie al carattere “Metal Trap” che contraddistingueva l’artista in quel periodo. Viene inserito tra i “CBCR” dell’anno del magazine Rockit.

Nel 2020 Sethu pubblica 3 singoli: “Blacklist”, “Calmo” e “Pioverà per Sempre”. L’ultima pubblicazione vede un’apertura del percorso dell’artista verso la direzione di una Trap più melodica, alternando lo scream alla voce in un’ottica più pop.

I pezzi vengono inseriti nelle playlist editoriali di Spotify “Raptopia”, “Novità Rap italiano”, “New Music Friday”, “Sangue giovane”, “Ragazzo Triste” e “Generazione Z”. Nell’anno della prima epidemia di Covid Sethu si vede cancellare le due esibizioni al Mi Ami e al Nameless.

Il 2021 e il 2022 sono anni in cui vengono pubblicati diversi featuring: Sethu è presente in “f*cked up” di Tish, in “Rebecca” di Don Said, nell’album “ANATOMIA CRISTALLO” degli ISIDE nella traccia “BREAKOUT v10”, nell’unico singolo pubblicato “QUALCOSA È ANDATO STORTO” con gli ISIDE, in “Crush” con Wako, in “A/B” di Claudym e infine in “AURORA” di Don Said. Questo ha consentito di aumentare la brand awarness e la diffusione tra diversi segmenti di pubblico denotando anche una progressiva definizione del suo lato melodico.

Share Button